martedì 7 aprile 2009

Arrivederci al prossimo terremoto

Posted in AmaraTerraMia tagged , , , a 0:50 di hotwine

Lettera Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) al governo

01/10/2008
L’Ente da me presieduto si avvale dell’apporto di numerose unità di personale con contratti di lavoro subordinato a tempo determinato, assegni di ricerca e, in qualche caso, contratti di collaborazione coordinata e continuativa al fine di soddisfare i crescenti impegni istituzionali inclusi quelli relativi alla sorveglianza (anche tramite la tenuta in funzione di tre sale operative presidiate h 24 per 365 giorni l’anno) della sismicità del territorio nazionale e di sette vulcani attivi in zone fortemente antropizzate.
In particolare, allo stato attuale, a fronte di 556 unità di personale con contratto a tempo indeterminato sono in servizio:

– 282 titolari di contratti di lavoro dipendente a tempo determinato;
– 68 titolari di assegni di ricerca;
– 7 titolari di contratti di collaborazione coordinata e continuativa in settori tecnico – scientifici,

per un totale di 357 unità di personale “precario”.
I 282 contrattisti risultano così distribuiti tra i profili professionali:

– n. 108 ricercatori
– n. 59 tecnologi
– n. 76 collaboratori tecnici enti di ricerca (tecnici specializzati)
– n. 39 addetti ai servizi amministrativi e di supporto.

Di essi, circa 175 sono inseriti nelle graduatorie degli “stabilizzandi” 2007 (sono risultati in possesso dei requisiti previsti dalla legge finanziaria 2007 ma non sono rientrati nei contingenti autorizzati dal Governo). Nelle more della stabilizzazione, l’Ente si era attrezzato per continuare ad avvalersi di loro, come previsto dalle norme.
Altri circa 45 “precari” hanno risposto all’avviso pubblico emanato in applicazione dell’art. 3, comma 90, della legge finanziaria 2008 e presumibilmente sarebbero entrati nelle graduatorie 2008.
In tutti i casi si tratta di personale altamente specializzato che ha contribuito fortemente ai risultati scientifici conseguiti dall’Istituto nei settori tradizionali di attività (sismologia, vulcanologia, geomagnetismo e aeronomia) ma anche in nuovi campi di attività quali la climatologia dinamica e la oceanografia operativa; risultati particolarmente positivi come si evince dal fatto che l’Ente che ha ricevuto sul piano nazionale una ottima valutazione da parte del CIVR (http://vtr2006.cineca.it/php4/vtr_rel_civr_menu_x_area.php?info) e ha conseguito diversi importanti riconoscimenti sul piano internazionale (si veda ad esempio la notizia riportata dal sito http://sciencewatch.com/inter/ins/08/08jul-INGV/).
La forte incidenza del personale precario sul totale degli occupati non è dovuta ad abusi nel ricorso al lavoro flessibile ma è dovuto essenzialmente al fatto che l’Istituto, essendo nato nel 2001, ha operato quasi esclusivamente in regime di divieto di assunzioni.
In questi anni, nella quasi totale impossibilità di reclutare addetti alla ricerca con contratti di lavoro a tempo indeterminato, l’Ente si è sforzato di migliorare la propria competitività sul mercato della ricerca nazionale, comunitaria e internazionale, ottenendo crescenti finanziamenti sui quali attivare e rinnovare contratti di lavoro flessibile.
Il personale in discorso è diventato così parte integrante delle risorse organiche dell’Ente e ha consentito soprattutto all’Istituto di onorare gli impegni internazionali.
Ora, le norme contenute nell’emendamento all’art. 37 – bis del ddl n. 1441 – quater:

– cancellerebbero le aspettative di stabilizzazione del personale inserito già da alcuni mesi nelle graduatorie degli “stabilizzandi” 2007 (abrogazione dell’art. 1, comma 519, della legge finanziaria 2007);
– annullerebbero la procedura di stabilizzazione prevista dalla legge finanziaria 2008 che all’INGV è in avanzato stato di completamento (abrogazione dell’art. 3, comma 90, della legge finanziaria 2008);
– vanificherebbero lo sforzo realizzato dall’Ente per onorare i rinnovi “ope legis” dei contratti degli stabilizzandi 2007 e quello in programma per gli “stabilizzandi” 2008 (abrogazione dell’art. 1, comma 519, della legge finanziaria 2007 e dell’art. 3, comma 92, della legge finanziaria 2008);
– costringerebbe l’Istituto a rinunciare a unità di personale sul cui impiego aveva commisurato i propri programmi di attività,

senza contare che quelle contenute nella legge n. 133/’08:

– bloccano ogni forma di sviluppo dell’Ente, dal momento che il taglio della dotazione organica di cui all’art. 74 della legge n. 133/’08, cancella tutti i posti attualmente vacanti presso l’INGV (n. 28 posti su 584), comportando, quindi, la totale saturazione dell’organico.

Tutto ciò premesso, mi appello alla sensibilità degli organi di governo affinché le predette disposizioni normative possano essere rivedute e si possa porre in essere quanto necessario per consentire all’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di salvaguardare e poi, con la dovuta gradualità e previa rigorosa verifica del possesso dei requisiti professionali e dell’attività svolta, assorbire i propri lavoratori precari che costituiscono ormai uno strumento irrinunciabile per le attività dell’Ente e un patrimonio per il Paese.

Enzo Boschi
Presidente INGV

Tullio Pepe
Direttore Generale INGV

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: