mercoledì 20 gennaio 2010

Brucia la Luna

Posted in La Canzone, La nostra musica, Sicilia, Tradizioni a 9:46 di anraj

brucia la terra

The moon is burning in the sky
And I am burning with love
The fire that is consumed
Like my heart

My soul crys
Painfully

I’m not at peace
What a terrible night

The time passes
But there is no dawn
There is no sunshine
If she doesn’t return

My land is burning
And my heart is burning
What it thirsts for water
And I thirst for love
Who will I sing
My song to
If there is no one
Who shows herself
On the balcony

parla piu piano

Posted in La Canzone, La nostra musica, Sicilia, Tradizioni a 9:44 di anraj

Говори по-тихо и никой не ще чуе
Нашата любов я живеем аз и ти,
Никой не знае истината,
Нито небето , което ни гледа отгоре
Заедно с теб ще остана,
Любов моя , винаги така .
Говори тихо и ела по-близо до мен ,
Искам да усетя моите очи в теб,
Никой не знае истината,
Това е голяма любов и
никога по-голяма не ще съществува!

Parla Più Piano – Gianni Morandi

Parla più piano e nessuno sentirà,
il nostro amore lo viviamo io e te,
nessuno sa la verità,
neppure il cielo che ci guarda da lassù.

Insieme a te io resterò,
amore mio, sempre così.

Parla più piano e vieni più vicino a me,
Voglio sentire gli occhi miei dentro di te,
nessuno sa la verità,
è un grande amore e mai più grande esisterà.

Insieme a te io resterò,
amore mio, sempre così.

Parla più piano e vieni più vicino a me,
Voglio sentire gli occhi miei dentro di te,
nessuno sa la verità,
è un grande amore e mai più grande esisterà

martedì 13 ottobre 2009

Marcella Bella SICILIA ANTICA

Posted in Europa, La Canzone, La nostra musica, Regioni, Sicilia a 9:37 di anraj

Tra mare e fiori
Sei nata tu
Terra d’amore
Non morirai mai
Campi di grano
Bruciati dal sole
Dove lasciai il primo amore
Sicilia antica
Del mio cuore
Quante ricchezze
Qua tieni tu.

Facce indurite (dal sole)
Occhi impietosi
Ma nel cuore
C’e’ tanto calore
E’ la mia gente
Che canta per niente
E la fatica
Li felici.

Sicilia antica
Del mio cuore
Quante ricchezze
Qua tieni tu

Tra mare e sole
Nacqui io
Figlia di terra
Non (ci) sei piu’
Mille vicoli
Mi tornano in mente
Dovo ho lasciato
I ricordi piu’ belli

Sicilia antica
Del mio cuore
Quante ricchezze
Qua tieni tu.

Sicilia antica
Terra di sale (“di difficoltà” per l’epoca)
Come l’amore
Non torni piu’


giovedì 26 febbraio 2009

Nun lu sapiti

Posted in Sicilia tagged , , a 1:13 di hotwine

Non lu sapiti

Non lu sapiti l’amuri ca v’haiu
e non sapiti quantu vi disiu
non lu sapiti comu chiangiu e staiu
quann’è ca ppi mumentu non vi viu

Dintra di l’arma mia na vampa cci haiu
e lu me cori è vostru e non lu miu
si moru ‘nparadisu non ci vaiu
pirchì p’amari a vui non pensu a Diu

E vui sapennu st’amuri e sti peni
mi lassati muriri comu ‘ncani
ma oggi siddu cc’è cu vi tratteni
speru di cunvincirivi dumani

Cchiù non m’amati e cchiù vi vogghiu beni
chiù passa e chiù vi mannu cristiani
non mi lassati amuri ‘ntra sti peni
pirchì siti ppi mia l’acqua e lu pani

Traduzione

Non lo sai quanto t’amo
e non sai quanto ti desidero
non sai come piango, come sto
quando non ti vedo per un solo istante

Dentro di me ho una vampa di fuoco
e il mio cuore è tuo, e non è mio
se muoio in paradiso non ci vado
perchè per amare te non penso a Dio

E tu sapendo questo amore e questa pena
mi lasci morire come un cane
ma oggi se c’è chi ti trattiene
spero di convincerti domani

più non m’ ami e più ti voglio bene
e più passa il tempo e più ti mando persone
non lasciarmi amore in queste pene
perchè sei per me l’ acqua e il pane

Il brano appartiene alla tradizione musicale siciliana, vi consiglio di ascoltare la versione di Rosa Balistreri

“Io ho incontrato Rosa Balistreri a Firenze, circa 22 anni fa, in casa di un pittore mio amico.Quella sera Rosa cantò il lamento della morte di Turiddu Carnivali che è un mio poemetto. Quella sera non la dimenticherò mai. La voce di Rosa, il suo canto strozzato, drammatico, angosciato, pareva che venissero dalla terra arsa della Sicilia. Ho avuto l’impressione di averla conosciuta sempre, di averla vista nascere e sentita per tutta la vita: bambina, scalza, povera, donna, madre, perchè Rosa Balistreri è un personaggio favoloso, direi un dramma, un romanzo, un film senza volto”.

Ignazio Buttitta, 20 settembre 1984

Grazie a Luigi Vergura

mercoledì 25 febbraio 2009

Un populu diventa piviru quannu ci arrubano a lingua

Posted in Matteo Salvatore, Sicilia tagged , , , , a 22:40 di hotwine

Ignazio Buttitta (Bagheria, 19 settembre 1899 – Bagheria, 5 aprile 1997) è stato un poeta italiano, precisamente siciliano.Tra i poeti contemporanei che hanno scelto di esprimersi in siciliano Buttitta è il più noto e il più conosciuto, sia in Sicilia che nel resto dell’Italia.

U POPULU
MITTITILU A CATINA
SPUGGHJATULU
ATTUPPATICI A VUCCA
E’ ANCORA LIBIRU
LIVATICI U TRAVAGGHJU
U PASSAPORTU
A TAVOLA UNNI MANGIA
U LETTU UNNI DORMI
E’ ANCORA RICCU
UN POPULU DIVENTA PIVIRU
QUANNU CI ARRUBANO A LINGUA
ADDUTATA DI PATRI:
E’ PERSU PI SEMPRI

Traduzione:

un popolo, mettetegli la catena
spogliatolo
chiudetegli la bocca
e’ ancora libero
toglietelo il lavoro
il passaporto
la tavola dove mangia
il letto dove dorme
e’ ancora ricco
un popolo diventa povero
quando gli rubano la lingua
adottata dai padri:e’ perso
per sempre


il grande poeta dialettale siciliano Ignazio Buttitta e’ stato amico e forte estimatore del poeta dialettale Matteo Salvatore

PI SEMPRI

prof.Angelo Michele Lombardi