venerdì 27 febbraio 2009

La figlia di Don Nicola

Posted in Matteo Salvatore tagged , , , , a 19:21 di hotwine

Don Nicola era un grande agricoltore,Umbertino diceva che don Nicola era padrone di tutta la Puglia e anche di Foggia. Don Nicola e consorte avevano una bimba di 6-7 anni La bimba una volta si ammalo’ di una malattia che nessun medico riusciva a guarire.La malattia della piccina era che lei non aveva appetito,rifiutava qualsiasi cibo. Umbertino zik- zik- venne a sapere di questa storia e disse al fratello Matteo:

“fra’ a saput- ca la uagliol- d- don N- col je’ cadut-malet- e n- vo magna’ nent-n-‘c- vev-manc lu latt- a la matin-“ “-U madonna mia bell- madonn- quant- m- d-spiec” disse Matteo.

La mattina dopo Matteo va a casa di Don Nicola e dice:
“-Don n-ko’,vu a la matin- m-ttit tav-l ji veng e magn- a v-ccun- chien- quedd- la uagliol m- ved- ca ji magn- e magn- pur jess- -va bon ,Mattiucci’, da quann- e cra’ jann qua e magn- cla criatura”

La cura si rivelo’ molto efficiente al punto che la bambina guari’ completamete,anzi la bimba con la presenza di Matteo che le raccontava le favolette mangiava piu’ del necessario tanto che don Nicola dovette licenziare Matteo Matteo,nella sua disarmante semplicita’,non fece opposizione e la mattina dopo si reco’ all’insaputa di tutti al santuario della Madonna dell’Incoronata,in periferia di Apricena. Si inginocchio’ e disse questa preghiera alla Madonna:

“Madonna mia.a saput- ca don n-col m’a’l-c-nziet p-cche’ la criatur- je uarut- e mo magn- latt- e pen- tutt- li matin-? Madonna mija bell-ji t- chied- sol- nu favor- madonna miji bella FALLA CADE’ DA KEP MALET- A LA UAGLIOL ACCUSCI’ JI ALA MATIN- VAJ A MAGNA’ PEN E LATT- CLA CRIATUR-“
(Madonna mia bella io ti chiedo solo un favore,Madonna mia fai ammalare di nuovo la bambina di don Nicola cosi io la mattina vado a mangiare pane e latte con la creatura)

prof.Angelo Michele Lombardi

giovedì 12 febbraio 2009

Cantate piano se no si svegliano i morti..

Posted in Matteo Salvatore tagged , a 22:30 di hotwine

Matteo è nato in una casa che aveva un solo muro.Il muro di cinta del campo sportivo, di fronte al cimitero di Apricena.Il resto della casa erano eternit e pannelli di lamiera zincata. Umbertino faceva il mago:infilava una sigaretta nell’orecchio destro e la tirava dall’orecchio sinistro.Nelle sere d’estate si cantava e si beveva il vino rosso di don Nicola.Don Nicola era il più ricco del paese.Aveva il calesse nero con gli ammortizzatori.Uno di noi ragazzi faceva la vedetta e appena vedeva il calesse col cavallo gridava “ARRIVA DON NICOLAAAAAAAAAAA.” Don Nicola si fermava sempre e ci portava una -due bottiglie di vino rosso e si fermava a sentire la musica di Matteo e Umbertino e diceva sempre:

“questo è meglio di volare oh oh”.(domenico modugno)

La mamma di Matteo (non ricordo più il suo nome) quando si cantava diceva:

“zitti zitti,madonna mia che scandalo.Al camposanto si suona e si canta, non gridate forte sennò stasera verranno in casa i morti e vi metteranno il fuoco in bocca.Cantate piano se no si svegliano i morti”.

Beatrice era alta alta e magra magra e le piaceva quando la chiamavano la principessa della Russia.E don Nicola diceva:

“Mezza pezza di pecorino se vi cancellate dal comunisto”.

Noi non capivamo questa parola ,il comunisto, ma ci piaceva mangiare il pane col pecorino di don Nicola.

C- N- JEM- A TARRANOV- K- PATEN-
C- N-KED- LU CIUCCIARELL-
MADONNA MIJA COM- AMMA FA
CHI LU TIR- K- NA RECCHJ-
CHI LU TIR- K- NA CAPEZZ-
U MADONN- K-PRIEJEZZ CA
C- METT- A CAMM-NA
ZI N-KO’ ZI N-KO’
STA NA FEMM-N- KA T- VO
NA BALLET- E NA SUNET E
ZI N-KOL – C’E’ MBRIAKET-

ANDIAMO A TERRANOVA CON PATATE E  POMODORI
CADE L’ASINELLO
OH MADONNA MIA ORA COSA FACCIAMO
CHI LO TIRA CON UN ORECCHIO
CHI LO TIRA CON LE BRIGLIE
MADONNA MIA CHE GIOIA
SI RIMETTE A CAMMINARE’
ZIO NICOLA, ZIO NICOLA
C’E’ UNA DONNA CHE TI VUOLE
FRA UN BALLO E UNA MUSICA
ZIO NICOLA S’E UBRIACATO DI VINO ROSSO


prof.Angelo Michele Lombardi