mercoledì 10 marzo 2010

INCONTRO CON MATTEO 2

Posted in Matteo Salvatore tagged a 10:06 di angelomichele

INCONTRO CON MATTEO,seconda parte

quedd-lu magna’ bbon- je semp- lu piatt- d- maccarun cla carn-(il miglior modo di mangiare e’ sempre maccheroni col sugo)
jev- da mo  ka nla ved- na bella braciola  d- carn clu putr-sin e l’aggij( da molto tempo non mangio un involtino)
C-fa Nannin- jev da mo ca n-lu ved-.C- fa?(da molto tempo non vedo a Nannin- p-rron-)
Eh mae’ Zi Nannin- e’ mort- lu cor- lu cor-,Matte(Eh, maestro, zio Nannino e’ morto di infarto)
Uh- m- d-spiec assa, e quant’ann- t-nev?(mi dispiace molto, e quant’anni aveva?)
T-nev cchiu’ poc- d- s-ttant’ann-( aveva meno di 70 anni)
U si- jeva gion- lu kr-stien, m- d-spiec- assa assa( hai sentito, era giovane)
a la morta tradr-tric-
Ji lu cor- lu teng bbon paro’ teng lu diabet( il cuore va bene pero ho il diabete)
fra poc- le ji a truva a Nannin-(tra poco lo andro’ a fare compagnia)
E mamm-ta Delaid- k- fa sta bbon?( e tua madre Adelaide sta bene in salute?)
Eh, mae’  pur mamma mi je mort( Eh maestro, anche mia madre e’ morta)
Uh madonna mija bella pur delaid- e’ mort?( oh madonna mia bella anche Adelaide E’ morta?)
Pov-ra Delaid- je rumes- ved-v- troppa ggion-( povera Adelaide che rimase vedova in giovane eta’)
PAUSA,  restiamo in silenzio entrambi io e Matteo
Poi di scatto Matteo si alza e
Uaglio’ ma fatt- tanta tanta piacer- ka c- sim- fatt- na bella parleta pruc-nes-, paro’ mo  me ne ji- a la ches-
ca me ji a pigghija’ lu pinn-l-tle ditt- ka teng lu diabet-/Paro’ e’ campet- bbon ammez- a cr-stiene ricc e important
sacc com e’ fatt- ji ca n- sacc ne legg e ne scriv-Gli stringo la mano con tanta emozione
DOPO QUELLA SERA NON L’HO PIU’ VISTO NE A FOGGIA E NE AD APRICENA
L’HO VISTO IN VIA ROMA AD APRICENA LA SUA BARA DI NOCE SCURO COME LA SUA MAGICA CHITARRA

mercoledì 15 aprile 2009

Appello – Apricena

Posted in Marcello Pirro, Matteo Salvatore tagged , , , a 12:33 di angelomichele

Apricena, questa tranquilla comunita’ adagiata ai piedi del monte Gargano,

ha generato,nel secolo appena concluso due grandissimi personaggi

Due poeti:Marcello Pirro.Matteo Salvatore.Matteo, nella sua poetica

Semplicita’ ha scritto musiche e parole dialettali di una stupefacente

Semplicita’.

Marcello e’ stato un TITANO nel mondo dell’arte spaziando l’intero

globo terrestre.Le sue opere scultoree, i suoi disegni sono esposti nei piu’

importanti musei del mondo.

Personalmente sono stato amico piu’ di Marcello che di Matteo.Unicamente

per differenze di eta’.

I due grandi purtroppo non sono piu’ fra noi.Ci hanno lasciato per sempre.

Ma noi uomini degni di essere tali non possiamo,non dobbiamo dimenticare.

Perche’ i nostri figli hanno il diritto di sapere.


Non voglio entrare nei meandri della politica e della burocrazia

Semplicemente chiedo agli amministratori della nostra comunita’ di intestare

A Marcello e a Matteo le due strade dove ebbero i natali apricenesi


Perche’ i nostri figli, i nipoti possano dire con orgoglio:mio padre, mia madre,

mio nonno ha conosciuto di persona Marcello Pirro, Matteo Salvatore

Michele lombardi

giovedì 9 aprile 2009

Padrone mio – francese

Posted in Matteo Salvatore tagged , , a 12:36 di angelomichele

O MON MAITRE JE VEUX T’ENRICHIR

O MON MAITRE,JE  VEUX T’ENRICHR

JE VEUX BOSSER DURCOMME UN CHIEN

JE VEUX BOSSER DUR COMM UN CHIEN

ET, SI JE NE FAIS PAS JUST,BATS MOIALORS

PLUTOT MOURIR QU’ETRE ELOIGNE’

PLUTOT MOURIR QU’ETRE ELOIGNE’

J’AI DES ENFANTS QUI VEULENT DU PAIN

J’AI DES ENFANTS QUI VEULENT DU PAIN

mercoledì 25 marzo 2009

Lettere…

Posted in Matteo Salvatore tagged , , a 23:40 di hotwine

quanta lettera t’eja mannet-
nisciuna r-sposta ji e’ r-c-vut-
‘mbett-lu tin- N-nne’, lu cor- d- Giud-
Tu m’a ‘ngannet- e chiagn-r- m- fa

Matteo Salvatore

traduzione:
quante lettere ti ho mandato
nessuna risposta ho ricevuto
nel tuo petto, Nennella,
hai il cuore di Giuda
tu mi hai ingannato
e mi fai piangere

prof.Angelo Michele Lombardi

..Mi guardi e non respiri..

Posted in Matteo Salvatore tagged , , , a 22:07 di hotwine

Matteo Salvatore

TUTT’IN SILENZIO DORMONO GLI UCCELLI
APRO LA TOMBA E VEDO LA MIA BELLA
OCCHI DI CALAMITA
MI GUARDI E NON RESPIRI
MI GUARDI E NON RESPIRI
PARE DORMENDO STAI

prof.Angelo Michele Lombardi

lunedì 23 marzo 2009

Ray Charles e Matteo Salvatore

Posted in Matteo Salvatore tagged , , a 23:32 di hotwine

nei mitici anni sessanta,i grande Ray Charles lancia la tecnica vocale del falsetto col brano GEORGIA ON MY MIND. Parallelemente, uno sconosciuto cantore di provincia, con un linguaggio oscuro e una chitarra di seconda mano emette suoni di un FALSETTO DIVINO.
Si chiamava Matteo Salvatore, disse Concetta Barr
”Matteo QUANN- PIGL- A CATARR- T- FA’ V-DE’ U PARAVIS-
(Matteo quando prende la chitarra ti fa vedere il Paradiso)

prof.Angelo Michele Lombardi

venerdì 27 febbraio 2009

La figlia di Don Nicola

Posted in Matteo Salvatore tagged , , , , a 19:21 di hotwine

Don Nicola era un grande agricoltore,Umbertino diceva che don Nicola era padrone di tutta la Puglia e anche di Foggia. Don Nicola e consorte avevano una bimba di 6-7 anni La bimba una volta si ammalo’ di una malattia che nessun medico riusciva a guarire.La malattia della piccina era che lei non aveva appetito,rifiutava qualsiasi cibo. Umbertino zik- zik- venne a sapere di questa storia e disse al fratello Matteo:

“fra’ a saput- ca la uagliol- d- don N- col je’ cadut-malet- e n- vo magna’ nent-n-‘c- vev-manc lu latt- a la matin-“ “-U madonna mia bell- madonn- quant- m- d-spiec” disse Matteo.

La mattina dopo Matteo va a casa di Don Nicola e dice:
“-Don n-ko’,vu a la matin- m-ttit tav-l ji veng e magn- a v-ccun- chien- quedd- la uagliol m- ved- ca ji magn- e magn- pur jess- -va bon ,Mattiucci’, da quann- e cra’ jann qua e magn- cla criatura”

La cura si rivelo’ molto efficiente al punto che la bambina guari’ completamete,anzi la bimba con la presenza di Matteo che le raccontava le favolette mangiava piu’ del necessario tanto che don Nicola dovette licenziare Matteo Matteo,nella sua disarmante semplicita’,non fece opposizione e la mattina dopo si reco’ all’insaputa di tutti al santuario della Madonna dell’Incoronata,in periferia di Apricena. Si inginocchio’ e disse questa preghiera alla Madonna:

“Madonna mia.a saput- ca don n-col m’a’l-c-nziet p-cche’ la criatur- je uarut- e mo magn- latt- e pen- tutt- li matin-? Madonna mija bell-ji t- chied- sol- nu favor- madonna miji bella FALLA CADE’ DA KEP MALET- A LA UAGLIOL ACCUSCI’ JI ALA MATIN- VAJ A MAGNA’ PEN E LATT- CLA CRIATUR-“
(Madonna mia bella io ti chiedo solo un favore,Madonna mia fai ammalare di nuovo la bambina di don Nicola cosi io la mattina vado a mangiare pane e latte con la creatura)

prof.Angelo Michele Lombardi

domenica 22 febbraio 2009

Popolo del paese

Posted in Matteo Salvatore tagged , , , a 21:49 di hotwine

Matteo banditore

POP-L- DLU PAES-
ASSAGGIET- LU VIN- NOV D- SPARISH-
UE CHI VO L’AN-C- LU SCIOR F-NOCCHJI, LA MALVA ROS-
VIENI, TU VIENI BENEDETTA MIA APRIMI LA PORTA E MO FAMM- TRASCI’
JI T- L’E PURTET LU DON- CA VULIV-

popolo del paese
assaggiate il vino novello di sparish
dai chi vuol l’anice, il fior di finocchio e la malvarosa
vieni tu vieni Benedetta mia,aprimi la porta e fammi entrare
io te l’ho portato il dono che volevi
aprimi la porta e ora fammi entrare
io ti ho portato il dono che volevi
dai aprimi la porta e fammi entrare

prof.Angelo Michele Lombardi

sabato 21 febbraio 2009

La bicicletta – Matteo Salvatore

Posted in Matteo Salvatore tagged , a 10:45 di hotwine

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Grazie a Luigi Vergura

Testo originale e traduzione a cura di prof.Angelo Michele Lombardi

tutt-tenn- la b-c-clett- e’ maritm- no
tutt- tenn- la b-c clett- e, marit-m no
zitt-marit- mij
li p-del li mett- ji
li rot- li mitt- tu
e p-dalem- tutt- e duj-
e p-dalem- tutt- e duj-

tutti hanno la bicicletta e mio marito no
tutti hanno la bicicletta e mio marito no
zitto marito mio
i pedali li metto io
le ruote le metti tu
e pedaliamo tutti e due
e pedaliamo tutti e due

venerdì 20 febbraio 2009

A proposito di ronde…

Posted in Matteo Salvatore tagged , , , , , a 23:40 di hotwine

Matteo aveva un profondo senso dell’ironia e dell’umorismo.Questo non si manifesta unicamente dai testi dei suoi canti.Si manifesta soprattutto dal suo carattere e dai suoi rapporti con gli amici,con i conoscenti di Apricena. Una volta, in un pomeriggio d’agosto Matteo al centro di Sacchetto e l’Americano, al passo di ronda militare (Matteo indossava una tuta tutta rossa,l’americano aveva una camicia bianca e sacchetto un pantalone verde).

I tre all’altezza del bar fiamma in via Roma sono vittime di una sonora PERNACCHIA STRAPPALENZUOLE PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR,la ronda continua a marciare al passo militare.

Matteo:”uagliù  n- v- g-ret- ca questa è’ roba nostra”

(ragazzi non fateci caso ma questa pernacchia è diretta a noi).

Dopo pochi metri ricevano sonori applausi,un gesto ironico che solo un grande poteva fare.

prof.Angelo Michele Lombardi

Pagina successiva